Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

Piano della valutazione di Istituto

La valutazione è un aspetto fondamentale e qualificante di qualsiasi istituzione scolastica ed è orientata a migliorare la qualità del processo di insegnamento apprendimento. Essa, pertanto, interessa diversi ambiti della vita della scuola, dall’azione educativa dell’istituto al servizio offerto (in termini di organizzazione e gestione), dall’attività didattica curriculare al progetto didattico di formazione dei docenti: la sua finalità è quella di verificare l’efficacia e l’efficienza di tutte le componenti del sistema formativo. Nell’ambito del riordino del sistema di istruzione, nello specifico la valutazione degli allievi è regolata dal D.Lvo 62/2017 che ha integrato e modificato il Regolamento sulla valutazione, il DPR 122 del 2009, che definiva i criteri generali che sovrintendono al processo valutativo, e sanciva, inoltre, il diritto degli allievi ad una valutazione equa e trasparente, nonché opportunamente documentata e motivata. Il Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 62 recante “Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i) della legge 13 luglio 2015, n.107” (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 16 maggio 2017), ha nei fatti cambiato il sistema di valutazione nella scuola italiana, in maniera sostanziale nel primo ciclo d’istruzione. Il provvedimento costituisce uno degli otto decreti attuativi della L. 107/2015. Al decreto n. 62/2017, attuativo della legge n. 107/2015, sono seguiti il DM n. 741/2017, dedicato a disciplinare in modo organico gli esami di Stato di scuola secondaria di I grado, il DM n. 742/2017, con il quale sono stati adottati i modelli nazionali di certificazione nazionale delle competenze, la nota n. 1865 del 10 ottobre 2017, volta a fornire indicazioni in merito a valutazione, certificazione delle competenze ed Esame di Stato nelle scuole del primo ciclo di istruzione e la nota Ministeriale 312 del gennaio 2018. Per l’a.s. 2020/2021 il Ministero ha predisposto un nuovo “impianto valutativo” per la valutazione intermedia e finale degli apprendimenti disciplinari della scuola primaria.

I riferimenti normativi che obbligano, fin dalle prossime valutazioni intermedie di Febbraio, i docenti della SP ad adottare le nuove modalità sono:

  • Nota n. 2158 del 4 dicembre 2020 Valutazione scuola primaria – Trasmissione Ordinanza e Linee guida e indicazioni operative;
  • Ordinanza Ministeriale 172 del 4 dicembre 2020, Valutazione periodica e finale degli apprendimenti delle alunne e degli alunni delle classi della scuola primaria;
  • LINEE GUIDA La formulazione dei giudizi descrittivi nella valutazione periodica e finale della scuola primaria

Allegati: